Lavoro, generazione “scoraggiata”: +11,6% di chi rinuncia a cercarlo, Istat

Lavoro, generazione “scoraggiata”: +11,6% di chi rinuncia a cercarlo, Istat. Spicca, tra i drammatici dati forniti dall’Istat sulla disoccupazione, quello del significativo incremento delle persone che un lavoro hanno rinunciato perfino di cercarlo. Una massa di “scoraggiati”, un milione e 790 mila persone, cresciuta nel 2013 dell’11,6%. I maschi rappresentano la quota più rinunciataria: +20,5%, le femmine registrano un aumento del 7,5%.
Lo scoraggiamento è la cifra psicologica che descrive il nuovo record raggiunto dalla disoccupazione in Italia: a gennaio il tasso è balzato al 12,9%. Il dato è il peggiore dall’inizio delle serie dell’Istat, che per quelle trimestrali risale al 1977. Tra i giovani che lo cercano, i senza lavoro sono al 42,4%: 690 mila persone. L’anno scorso è stato il peggiore della crisi: mezzo milione di occupati in meno, 478 mila persone (-2,1%) rispetto al 2012. I disoccupati in Italia nella media 2013 hanno raggiunto quota 3,1 milioni con un aumento del 13,4% rispetto al 2012.

Anche un lavoro precario è più difficile da ottenere. Il lavoro precario, definito dall’Istat come atipico, nella media del 2013 torna a scendere. Infatti, il numero di dipendenti a tempo determinato e di collaboratori scende a 2 milioni 611 mila, in calo di 197 mila unità in un anno.
Gli occupati tra i 15 e i 34 anni in Italia sono diminuiti di 1 milione 803 mila unità tra il 2008, anno d’inizio della crisi, e il 2013. Nel quarto trimestre 2013 gli occupati sono diminuiti di 397 mila unità (-1,7%) rispetto al quarto trimestre 2012, con una riduzione che ha colpito soprattutto il Mezzogiorno (292 mila unità in meno, pari a meno 4,7%).

Written By
More from genteattiva

L’abuso di diritto va ko

Stop all’abuso del diritto. La riqualificazione in cessione d’azienda della sequenza negoziale...
Read More

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *