Fondazione per la Ricerca sulla Fibrosi Cistica

La resistenza antimicrobica costituisce una grave minaccia per la salute pubblica in tutto il mondo poiché comporta innumerevoli vittime, con conseguenti alte spese sanitarie, oltre che perdite di produttività. E’ recentissima l’identificazione di un nuovo antibiotico, chiamato POL7080, per pazienti affetti da infezioni batteriche causate da Pseudomonas aeruginosa: uno dei batteri considerati killer in quanto refrattario a molti antibiotici disponibili e impossibile da prevenire tramite vaccino. Il batterio è inoltre facilmente contraibile negli ospedali ed è letale per i malati di fibrosi cistica. Lo studio, effettuato con finanziamento europeo per il progetto NABATIVI e dalla Fondazione per la Ricerca sulla Fibrosi Cistica, coordinato dal San Raffaele in collaborazione con l’Università di Zurigo e l’azienda svizzera Polyphor, ha dimostrato un’efficacia superiore di questo antibiotico rispetto a quelli utilizzati nella pratica clinica in modelli di malattia. Il prossimo passo sarà quello di dimostrarne l’efficacia nell’uomo e superare il percorso di approvazione necessario per arrivare sul mercato. Per maggiori informazioni: www.nabativi.org

Written By
More from genteattiva

Allarme valanga euroscettica

“Populisti di tutta l’Europa unitevi”, sotto l’insegna dell’euro-scetticismo. L’invito a una voce...
Read More

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *