Eurozona, ripresa lenta e con rischi. Lavoro giovani, Italia maglia nera

L’Italia è tra i paesi dell’area euro dove è maggiormente peggiorata la disoccupazione giovanile a seguito della crisi, rileva la Bce in una analisi contenuta nel suo ultimo bollettino mensile. “Il tasso di disoccupazione giovanile è aumentato in maniera particolarmente marcata nei paesi soggetti a tensioni di mercato”, si legge, “portandosi nel 2013 su valori compresi fra il 50 e il 60% in Grecia e in Spagna e raggiungendo livelli prossimi al 40% in Italia, Portogallo e Cipro e al 30% in Irlanda”. L’evoluzione della disoccupazione giovanile mostra “notevoli differenze fra paesi”, dice ancora la Bce. “In Austria e a Malta l’incremento è stato moderato e in Germania si è persino registrato un calo”. Ma l’Italia è il paese dell’Eurozona con il maggior numero di giovani Neet (persone di età compresa tra i 15 e i 24 anni che non sono né occupate, né impegnate in attività di studio o formazione. Dal 2007 al 2012, rileva la Bce, i Neet italiani sono passati da circa il 16% a oltre il 21% del totale, un incremento percentuale inferiore solo a quelli di Grecia e Irlanda (che segnano comunque dati assoluti più bassi, con la sola Grecia che supera di poco il 20%). Il dato italiano è legato soprattutto al forte incremento dei giovani inattivi. In Spagna e Portogallo, invece, l’aumento dei Neet è connesso soprattutto alla disoccupazione, laddove gli inattivi sono addirittura calati, grazie all’aumento dei giovani impegnati in attività di studio e formazione.
Eurozona in lento recupero, ma i rischi sono al ribasso. Quanto al pil, Eurotower si attende “un lento recupero del prodotto nell’area euro”. I rischi per le prospettive di crescita “continuano a essere orientati al ribasso”. Pesano le incertezze dei mercati mondiali, in particolare i paesi emergenti, ma anche domanda interna e un export che potrebbero deludere le attese. Invariate, rispettivamente all’1% e all’1,5%, le stime sul pil dell’Eurozona per il 2014 e il 2015.
Inflazione stabile e tassi bassi a lungo. La Bce si aspetta che l’inflazione dell’Eurozona nei prossimi mesi “resti sui livelli attuali” e vede rischi “bilanciati”, attribuendo la frenata a 0,7% a gennaio principalmente “alla componente energetica”. I tassi, promette la Bce, resteranno sui livelli attuali o inferiori a lungo.

 

Written By
More from genteattiva

Via libera alla proroga del 730

Dichiarativi 2014, il 730 va all’extra time. Il fisco concede più tempo...
Read More

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *