Eccellenza Italia va al raddoppio

Class Editori fa il bis con Eccellenza Italia, il primo sistema multimediale ideato per comunicare con i turisti e i consumatori cinesi, lanciando la rinnovata versione cinese e la neonata edizione russa. Obiettivo: rispondere in modo ancora più efficace alle esigenze di comunicazione con il ricco mercato dei visitatori e degli acquirenti cinesi e russi, da parte delle aziende italiane. Con il 2014, infatti, è iniziato l’Anno del Cavallo, secondo il calendario cinese, e i brand italiani si preparano a cavalcare il nuovo flusso di visitatori e clienti in arrivo. Un fiume immenso costituito da oltre 500 mila cinesi a cui se ne aggiungeranno 500 mila ulteriori per l’Expo 2015. Per l’evento internazionale in calendario a Milano si attendono in tutto 20 milioni di turisti, di cui 5-6 milioni dall’estero, con in primo piano quelli cinesi e russi. Ecco perché i marchi tricolore della moda, del living, del food e del turismo si stanno attrezzando e Class Editori ha rinnovato Eccellenza Italia, sistema editoriale con magazine, applicazioni, siti internet e social media e presentato ieri a Milano durante una kermesse di grande successo che ha riunito, nella prestigiosa sede centrale di via Marco Burigozzo 5, oltre 150 rappresentanti dei principali marchi di moda, gioielleria, food, turismo e living.

Dal lancio nell’ottobre 2012 a oggi, Eccellenza Italia ha già distribuito 750 mila copie del magazine stampato in cinese, scelto da oltre 200 inserzionisti pubblicitari, ma adesso si rilancia col nuovo corso. Si parte da marzo con il primo dei quattro numeri previsti per quest’anno (con uscite a marzo, giugno, settembre e dicembre) per un totale di 300 mila copie a uscita di cui 250 mila distribuite in Cina e 50 mila in Italia, in più di cento punti di diffusione mirata.

«Ci occupiamo di Cina dal 1978», ha spiegato ieri Paolo Panerai, a.d. e vicepresidente di Class Editori (che partecipa al capitale di questo giornale). «Il legame della Cina con l’Italia è forte ma va rinsaldato. Per questo rafforziamo Eccellenza Italia, uno strumento fondamentale per il prossimo Expo e per tutti coloro che vogliono coglierne le opportunità».

Il sistema editoriale del gruppo milanese si rivolge infatti sia ai turisti cinesi in vista nella Penisola (con una capacità media di spesa di 30 mila euro) sia ai consumatori che sono in Cina, grazie al magazine in cinese e col formato travel che viene consegnato per primo a chi riceve il visto per l’Italia, ai clienti dei servizi di private banking di Bank of China e ai frequentatori di lounge negli aeroporti di Pechino, Shanghai, Canton e Shenzen. Ma ci sono pure i turisti degli 11 principali tour operator, gli ospiti delle lounge negli aeroporti italiani (compreso tutto il sistema Malpensa), degli hotel (con copie disponibili direttamente in camera) e dei ristoranti a Milano, Roma Venezia e Firenze.

A proposito di destinazioni italiane, in particolare, Eccellenza Italia non solo propone una nuova testata col termine Italia in maggiore rilievo e la nuova copertina col battente che si apre, ma soprattutto pubblica le mappe geolocalizzate dei negozi nelle città tricolore preferite dai cinesi, quelle degli store di marchi italiani che si trovano a Shanghai, Pechino e Canton e aggiunge le mete di maggior interesse stagionale, da Capri a Cortina, dalla Costa Smeralda a Forte dei Marmi.

«Bisogna decidere se il nostro patrimonio artistico e storico sia statico», ha aggiunto Panerai, «oppure serva a produrre ricchezza. Basta poco. Ma non è concepibile che, a un anno e mezzo dall’Expo, i turisti cinesi in Italia non abbiano a disposizione nemmeno insegne in cinese per spostarsi agevolmente, come accade per esempio a Parigi».

Il sistema di Eccellenza Italia comprende anche un sito dedicato (www.eccellenzaitalia.cn) in partnership esclusiva con Xinhua, l’agenzia stampa Nuova Cina che promuove in lingua i contenuti di Class Editori. Xinhua (con un fatturato di 18 mld di dollari, circa 13,3 mld di euro) fa parte peraltro del gruppo editoriale governativo che comprende tra gli altri quotidiani e tv (con Cctv, emittente che trasmette in tutto il mondo). Oltre al sito, Eccellenza Italia presidia il web anche su Twitter (@Eccellenza_Ita) e sul popolare portale di microblogging cinese Sina Weibo (EccellenzaItalia su weibo.com). Un’attenzione particolare è riservata ai partner per cui viene creata una speciale visibilità tramite l’Augmented Reality. Chiude il cerchio digitale (comparto che per tutto il gruppo Class Editori vale 37 mln di euro) l’applicazione disponibile sia per sistemi Apple sia per quelli Android (tra cui i dispositivi Samsung con schermi più grandi della media e più usati dai consumatori cinesi). Con l’app si ritrovano tutti i contenuti del magazine più ulteriori news multimediali, video e pubblicità dinamiche.

Insomma, «offriamo un prodotto esclusivo che mette insieme la grande qualità dei contenuti e la quantità di contatti che raggiunge mediante la diffusione cartacea e digitale, realizzata in partnership esclusiva con alcuni dei principali operatori cinesi del settore», interviene Angelo Sajeva, presidente di Class Pubblicità e consigliere per le strategie e lo sviluppo di Class Editori. «Un unicum nel panorama editoriale italiano», considerando che Eccellenza Italia (con la Fondazione Italia Cina tra i suoi principali partner) si rivolge a un flusso di turisti «altospendente e con un forte turnover». Alcuni esempi? In Cina ci sono 189 mila miliardari, 800 mila milionari e 200 milioni di consumatori di classe superiore. Complessivamente, è il 15% dei cinesi a voler spendere senza risparmio per prodotti e servizi a cinque stelle. E il 50% degli acquisti di lusso avviene proprio all’estero.

Sullo stesso schema crossmediale si muoverà anche l’edizione russa di Eccellenza Italia, perché la Penisola è il paese più amato dai cittadini dell’ex Urss, con una preferenza per le visite nei mesi di luglio, agosto, fine dicembre e inizio gennaio. E infatti la nuova versione russa di Eccellenza Italia debutterà il prossimo giugno con 300 mila copie per uscita e lancerà il secondo numero a settembre. «Con le idee guadagniamo quote di mercato, pur a fronte di una situazione italiana incerta», conclude Sajeva. «Ci saranno novità editoriali anche per le nostre testate cartacee e i canali tv. Mi sembra che, a livello di mercato, febbraio sia partito bene mentre gennaio è sempre poco significativo. Aspettiamo la conclusione del primo semestre dell’anno».

Written By
More from genteattiva

Statale di Milano, decine di tesi di laurea nei cassonetti della carta

Decine di tesi di laurea nei cassonetti per la raccolta della carta....
Read More

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *