Manifatturiero e costruzioni, ancora in calo la fiducia delle imprese

Dopo quello dei consumatori, a gennaio sale anche l’indice composito del clima di fiducia delle imprese italiane, passando a 86,8 da 83,8 di dicembre scorso. Lo rileva l’Istat, spiegando che l’andamento dell’indice complessivo rispecchia un miglioramento significativo della fiducia delle imprese del settore dei servizi di mercato e di quelle del commercio al dettaglio; risulta invece in diminuzione la fiducia delle imprese manifatturiere e delle imprese di costruzione. In particolare, l’indice del clima di fiducia delle imprese manifatturiere diminuisce, passando da 98,2 di dicembre a 97,7. Migliorano le attese di produzione (da 4 a 5 il saldo) e rimangono stabili i giudizi sugli ordini (a -27); il saldo relativo ai giudizi sulle scorte di magazzino passa da -4 a -1. L’analisi del clima di fiducia per raggruppamenti principali di industrie indica un miglioramento dell’indicatore per i beni strumentali (da 95,2 a 97,5) e un peggioramento per i beni di consumo (da 98,8 a 97,2) e per i beni intermedi (da 101,0 a 98,4). L’indice del clima di fiducia delle imprese di costruzione scende da 82,2 di dicembre a 76,5. I giudizi sugli ordini e/o piani di costruzione e le attese sull’occupazione peggiorano (da -42 a -49 e da -21 a -23 i rispettivi saldi). L’indice destagionalizzato del clima di fiducia delle imprese dei servizi sale da 80,9 di dicembre a 88,5. Migliorano le attese sul livello degli ordini e, soprattutto, sull’andamento dell’economia in generale (varia da -36 a -24 il relativo saldo); i giudizi sugli ordini restano stabili a -20. Infine, nel commercio al dettaglio l’indice del clima di fiducia aumenta, passando da 90,7 di dicembre a 93,5. L’indice cresce sia nella grande distribuzione (da 92,2 a 92,8), sia in quella tradizionale (da 90,7 a 94,8).

Written By
More from genteattiva

Apple, ecco iPad Air: più leggero, sottile e potente. iPad Mini con Retina display

Un flusso inarrestabile di novità. Nuovo iPad Air, nuovi iPad mini con...
Read More

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *