Forconi ed esodati alla Festa del Tricolore

C’è il ministro dei rapporti con il parlamento Dario Franceschini. C’è il già sindaco di Reggio Emilia e ministro per gli affari regionali Graziano Delrio. C’è il presidente della corte Costituzionale Gaetano Silvestri. E ci sono anche i Forconi, qualche decina di persone, a presidiare Reggio Emilia, dove sono in corso le celebrazioni del duecentodiciassettesimo anniversario della Festa del Tricolore, con l’alzabandiera e l’inno che risuona in Piazza Prampolini.

Forconi e esodati

Come ogni 7 gennaio, insomma,  Regio Emilia, città natale della bandiera italiana, festeggia. Ma l’atmosfera, ancora per un giorno natalizia, non ha impedito al  movimento dei Forconi di mettere in scena una protesta contro il governo, con cori e striscioni. Gli esodati, invece, hanno incontrato Franceschini  e gli hanno consegnato un dossier.

 

Il tweet di Delrio sulla Festa e il commento sullo scambio tra Imu e tassa sul gioco di azzardo

Il ministro per gli Affari regionali ha commentato la propria partecipazione alla cerimonia con  un tweet accompagnato da una foto: “In Sala del Tricolore per la festa della Bandiera nazionale nata a Reggio Emilia”. Delrio, in risposta a una domanda sulla proposta dell’Anci di aumentare la tassazione sul gioco di azzardo per evitare il pagamento della mini Imu sulla prima casa e reperire così gli 1,3 miliardi promessi dallo stato ai comuni, ha dichiarato che non è possibile  applicare sulla mini Imu dovuta nel 2014 la revisione della tassazione del gioco di azzardo che è contabilizzata nel 2013. Però c’e’ l’impegno da parte del ministero dell’Economia e di tutto il governo di rivedere questa tassazione in maniera più equa e conforme. Non sarà però questa la soluzione della mini-Imu, non riusciamo tecnicamente a risolvere questo problema”

Written By
More from genteattiva

Taglio dell’Irpef: più soldi in busta paga anche per 1,7 milioni di immigrati

Il taglio dell’Irpef promesso da Matteo Renzi andrà a beneficio di 1,7...
Read More

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *