Parigi, tagliano fondi al teatro: Attilio Maggiulli schianta auto contro Eliseo

Tagliano i fondi al teatro di cui è direttore e Attilio Maggiulli per protesta si è schiantato con l’auto contro il cancello principale dell’Eliseo, aParigi, la mattina del 26 dicembre. Il sito Le Mondescrive che l’uomo si è diretto contro il cancello abassa velocità e la polizia lo ha fermato.

Maggiulli è un regista e attore che ha fondato nella metà degli anni ’70 La Comédie italienne, nel quartiere Montparnasse, l’unico teatro italiano in Francia voluto tra gli altri da Giorgio Strehler e Italo Calvino.

 

L’uomo era già stato fermato il giorno di Natale per aver tirato fuori dalla sua auto ”un Arlecchino dandogli fuoco dopo averlo cosparso di alcool e ha poi lanciato volantini per la strada per denunciare i tagli delle sovvenzioni al suo teatro”, racconta un testimone a Le Monde.

Secondo i primi elementi raccolti, scrive ancora Le Monde online, Maggiulli si è presentato a bordo della sua auto davanti al cancello del palazzo presidenziale, “ma è riuscito solo a toccarlo leggermente, a bassa velocità”. Subito fermato dalle forze dell’ordine presenti sul posto, è stato portato in ospedale per “esami complementari”.

La polizia ha riferito che “l’uomo è stato quindi fermato, ascoltato e poi rilasciato senza nessuna accusa da parte della procura”, aggiungendo che “la sua azione di stamani sembra essere legata alla rivendicazione sul taglio dei fondi”.

Marie-Mathilde, una commerciante della zona, ha riferito a Le Parisien: “E’ stato estratto in stato di incoscienza dalla sua auto. Ho sentito un gran botto e visto una macchina grigia. La polizia e la guardia repubblicana si sono precipitate”. Secondo il giornale, l’auto risulta rubata ed è stata subito rimossa. All’interno è stato trovato liquido infiammabile.

Written By
More from genteattiva

Tregua a Gaza: no del braccio armato di Hamas, sì di Israele

La tregua no. Sarebbe una resa. Sono le parole del comunicato gelido con cui il  braccio armato...
Read More

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *