Tutti miopi tra 30 anni, allarme “epidemia”: colpa di pc, tablet e smartphone

Passiamo troppo tempo con gli occhi vicino ad uno schermo. Tanto che tra 30 anni saremo tutti miopi. Sì, perché se già i giovani presentano oggi una predisposizione genetica alla miopia, l’esposizione agli schermi “killer” della vista di tablet, tv, smartphone e affini non aiuteranno certo a migliorare la situazione, anzi gli esperti lanciano già l’allarme per una vera e propria epidemia di miopia.
Su Repubblica, all’inserto Salute, si spiega:
“Se n’è parlato a Milano, al congresso “Videocatarattarefrattiva 2013” e, conti alla mano, gli oculisti cominciano a parlare di epidemia di miopia, avanzando la catastrofica previsione dell’avvento di una generazione di miopi fra 30 anni: appena tre decenni fa, la miopia colpiva un europeo su cinque, oggi più di uno su tre». In uno studio fatto a Taiwan su 11mila studenti, circa l’80 per cento è risultato miope”.
Antonio Scialdone, direttore dell’Ospedale Oftalmico Fatebenefratelli di Milano, spiega a Repubblica:
“«troppo a lungo i giovani avvicinano gli occhi a questi schermi, con un continuo sforzo di messa a fuoco, un prolungato accomodamento della vista a vedere da vicino. Alla fine l’occhio non si riesce più a tornare alla messa a fuoco necessaria per vedere da lontano»”.
Anche stare sempre in casa o in ufficio e poco alla luce naturale aumenta il rischio di miopia:
“In media in Italia si passano più di quattro ore al chiuso, davanti agli schermi tv, a quelli piccolissimi dei nuovi strumenti elettronici, al pc, per navigare in Internet, per inviare sms o giocare ai videogames. E la vista dei giovani e soprattutto dei bambini si affatica. Aggrava la situazione, l’usare a lungo gli smartphone per la lettura di pagine scritte con caratteri piccoli”.

Written By
More from genteattiva

Legge di stabilità, Saccomanni: c’è accordo

Sulla legge di stabilità “l’accordo già c’è e ora al ministero dell’Economia...
Read More

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *