Rimborsi, indagato l’ex governatore friulano Renzo Tondo: viaggi gratis

Rimborsi “disinvolti” al Consiglio regionale del Friuli-Venezia Giulia. Si allarga l’inchiesta della Procura di Trieste sui rimborsi concessi ai consiglieri regionali nella scorsa legislatura e ora anche l’ex governatore Renzo Tondo è tra gli indagati: l’accusa è peculato. Nel mirino del Pm Federico Frezza ci sono due viaggi fatti dall’ex presidente, rispettivamente a Venezia e ad Assisi; tre notti in albergo per un conto di 500 euro che sarebbero stati rimborsati attigendo ai fondi del gruppo, il Pdl.

«Sono convinto che quando sarò ascolato potrò chiarire ogni cosa», ha replicato Tondo che, per l’interrogatorio già programmato per mercoledì davanti al nucleo di polizia tributaria delle Fiamme gialle di Trieste, sarà assistito dal legale Luciano Cardella.
L’ex governatore dovrà ricostruire eventi e circostanze delle due trasferte. La missione ad Assisi, cui partecipò una delegazione regionale, venne organizzata per parteciparealla ricorrenza del patrono San Francesco. Quella a Venezia, invece, interessò alcuni incontri istituzionali e appuntamenti legati all’attività del Pdl. In entrambi i viaggi, l’ex presidente era con la compagna: nel viaggio a Venezia il conto della signora è stato saldato a parte mentre la fattura relativa alla trasferta di Assisi sarebbe finita per errore tra le spese del gruppo.

Finora gli atti di citazione sono arrivati all’ex consigliereMaurizio Bucci (Pdl), Bruno Marini (Misto), Paride Cargnelutti (Pdl) e Luigi Cacitti, ma l’elenco dei rinviati a giudizio potrebbe ancora allungarsi. Anche gli ex capigruppo potrebbero essere chiamati a rispondere sia di rimborsi irregolari dei colleghi di partito che di “spese disinvolte” fatte in prima persona.

Written By
More from genteattiva

Riforma del Senato, Boschi: “Chi parla di svolta autoritaria ha le allucinazioni”

Si parte, come promesso. Ma si parte senza votazioni. Il primo passo...
Read More

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *