Lampedusa, la più grande tragedia del mare

Sono un centinaio gli immigrati morti nel relitto del barcone naufrato stamattina a davanti alle coste di Lampedusa. Lo si apprende da fonti qualificate del coordinamento dei soccorsi. Lo scafo si è rovesciato ed è affondato trascinando con sé almeno cento profughi, intrappolati all’interno. Al bilancio dei soccorritori si aggiungono 93 cadaveri recuperati a terra e 151 sopravvissuti. Le prime stime indicano che l’imbarcazione ospitava “almeno” 500 persone. Tra i corpi recuperati si contano 4 bambini e almeno 4 donne, una delle quali incinta.

L’imbarcazione si è capovolta nella notte «a mezzo miglio dall’Isola del coniglio» di fronte a Lampedusa. Il sindaco dell’isola Giusi Nicolini riferisce anche che tra i superstiti è stato individuato e fermato un presunto scafista. È un giovane tunisino che era stato raccolto tra i superstiti riconosciuto da un gruppo di migranti. I cadaveri, che si trovano al momento sul molo Favarolo a Lampedusa, saranno trasferiti nell’hangar dell’aeroporto.

Con l’isola già in piena emergenza, si è consumato il dramma del naufragio del secondo barcone: «Probabilmente, si è capovolto a causa dei movimenti scomposti delle centinaia di persone a bordo, nel momento in cui hanno visto terra«, ha spiegato l’operatore sanitario «in base a quella che è la mia esperienza». con un’inchiesta di Roberto Galullo.

Alle 13 circa è stato individuato il relitto del barcone naufrato stamattina davanti alla costa dell’Isola dei conigli a Lampedusa. Il natante è quasi completamente affondato ed è stato avvistato dai piloti di un ATR42 della Guardia costiera. Dal mare affiora una piccola parte dello scafo, che ha preso fuoco dopo che i passeggeri avevano acceso un falò per segnalare la loro presenza e farsi soccorrere. L’incendio ha scatenato il panico a bordo e la barca si è rovesciata per poi affondare.

Proprio oggi, il presidente della Repubblica Giorgio Napolitano era intervenuto sul tema del diritto di asilo. In un messaggio inviato per la presentazione del «Rapporto Italiani nel Mondo 2013» della Fondazione Migrantes, Napolitano ha invita a rivedere con «maggiore sensibilità» le politiche di accoglienza. «La tragedia di Ragusa con 13 morti vittime di criminali scafisti (l’episodio che ha preceduto la tragedia di oggi, ndr) scuote le nostre coscienze e impone a noi tutti di porre in essere le misure necessarie per evitare il ripetersi di queste tragedie.

 

Written By
More from genteattiva

Nonna si prende i 500mila€ del Gratta&Vinci: giudice li restituisce alla nipote

La nonna 84enne, Maria Prina, dovrà ora restituire quei 500mila euro alla nipote...
Read More

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *