Il cacciatore di boss: imprenditori collaborate

È sempre stato un cacciatore di mafiosi e latitanti. L’arresto che lo ha incoronato è stato quello del capo dei capi siciliani, Bernardo Provenzano, nell’aprile 2006 dopo 43 anni di fuga. Dal maggio 2012 Renato Cortese è capo della Squadra mobile.

A Roma si parla spesso di camorra e ’ndrangheta e poco di mafia. Perché? È finita in disgrazia o sa infiltrasi meglio delle altre mafie?

Bisogna considerare che tra le forme conosciute di espressione delle organizzazioni criminali mafiose sul territorio – ’ndrangheta, camorra e Cosa nostra – notiamo, negli ultimi tempi, una flessione della presenza siciliana dovuta anche ai numerosi colpi inferti all’organizzazione mafiosa. In linea generale, la Provincia di Roma è un “punto di arrivo” per le mafie, un luogo ove si concretizza l’investimento dei proventi illeciti.

A Ostia, a luglio, lei ha scoperto la pace criminale siglata tra il camorrista Michele Senese, il clan Fasciani e i fratelli Triassi, di Agrigento. Possibile per che dei mafiosi come loro, legati ai temibili Cuntrura-Caruana, si facciano gambizzare e addirittura qualcuno li prende a schiaffi senza che meditino vendetta?

Le indagini svolte dalla Squadra mobile hanno fatto luce sull’esistenza di accordi tra i vertici delle consorterie di tipo mafioso, un “patto di non belligeranza” stipulato tra Fasciani, Triassi e Senese. È da ritenersi pacifico poi che una decisione, assunta a questi livelli criminali, abbia ricadute sulle conseguenti dinamiche e possa addirittura porre un freno ad eventuali rappresaglie della “parte lesa” ma sempre perché l’obiettivo principale di tutte le organizzazioni criminali è sfruttare al massimo ogni mezzo a disposizione per accumulare ricchezza.

A Vincenzo Triassi il giudice non ha riconosciuto l’imputazione di associazione a delinquere di stampo mafioso. L’inchiesta è salva?

Assolutamente sì. Anzi il Tribunale della libertà ha riconosciuto l’estistenza delle associazioni criminose di Fasciani e Triassi, confermando l’impianto accusatorio della Dda di Roma.

Il settore imprenditoriale collabora poco, ha paura? Ci sono pericolose contiguità coi mafiosi?

All’interno dei territori nei quali le singole organizzazioni criminali hanno attecchito i loro tentacoli si è avuto modo di registrare la capacità di tessere una ragnatela di rapporti con il mondo imprenditoriale e delle istituzioni nel tentativo di influenzare e condizionare, con i classici metodi dell’intimidazione mafiosa, il regolare svolgimento delle relazioni sociali ed economiche. Una maggiore collaborazione da parte degli imprenditori potrebbe contribuire alle attività di contrasto alle infiltrazioni mafiose.

Che state facendo per stanare i mafiosi?

«Innanzitutto, vi è un’attenzione costante ai fenomeni criminali che possono aver trovato terreno fertile in questa provincia. Le organizzazioni criminali organizzate tendono ad un unico obiettivo: l’accaparramento o sfruttamento delle risorse economiche di un territorio che viene attuato con modalità tali da eludere le disposizioni di legge in materia di misure di prevenzione patrimoniale ricorrendo a fittizie intestazioni a favore di prestanome compiacenti».

 

Written By
More from genteattiva

Niente Imu con residenza estera

Dal 2015 un solo immobile posseduto in Italia dai cittadini italiani residenti...
Read More

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *